ACRONIA


Vai ai contenuti

Menu principale:


paganesimo

2007-2010 > 2008 > RELIGIONE


(23/01/2008)

Leggo su Repubblica.it la seguente frase virgolettata che il papa avrebbe pronunciato durante l'odierna udienza del mercoledý:

"Oggi la nostra speranza e' insidiata da molte parti e rischiamo di ridiventare anche noi, come gli antichi pagani, uomini 'senza speranza e senza Dio in questo mondo'".

Il papa e tutti i suoi aiutanti continuano a ripetere ossessivamente le seguenti litanie:

+ il mondo contemporaneo Ŕ in crisi;

+
perfino la speranza Ŕ morta;

+
il tutto Ŕ da attribuire all'allontanamento da Dio;

+ tradotto significa che gli uomini non ascoltano pi¨ le indicazioni della Chiesa.


A chi si rivolgono gli ecclesiastici quando affermano che gli uomini hanno voltato le spalle alla Chiesa?

Non sono loro i responsabili della vita della Chiesa?

La constatazione dell'allontanamento dovrebbe quindi essere una umile, silenziosa e dolorosa riflessione interna alla Chiesa stessa.
Non una mitragliata scagliata contro l'umanitÓ.

Che c'entrano i pagani?

Il disagio e le recriminazioni non mancano mai nei periodi di profondo cambiamento.
E' successo anche nel 3░ e nel 4░ secolo dopo Cristo, quando il cristianesimo si stava affermando a scapito della cultura e delle religioni tradizionali.
Gli intellettuali legati ai valori dell'antichitÓ classica lamentavano la crisi dei principi e paventavano, allora, l'avanzata del cristianesimo: aborrivano le sue pratiche esoteriche, temevano la sua intolleranza.

Nonostante le loro tetre previsioni il cristianesimo si Ŕ imposto e l'umanitÓ, pur essendo andata incontro, poi, a secoli di turbolenze, Ŕ riuscita alla fine a ritrovare se stessa e a salvare il proprio destino.

La speranza, insomma non Ŕ legata alla sopravvivenza di una particolare Chiesa nŔ, propriamente, ad una certa fede in Dio.

L'umanitÓ sta attraversando una fase di transizione, dolorosa e travagliata come tutti i periodi di passaggio.

Forse pi¨ pericolosa di tutte le precedenti in quanto sono venuti a scadenza, contemporaneamente, molti dei conti che le generazioni precedenti avevano lasciato in sospeso.

L'umanitÓ sopravviverÓ e uscirÓ migliore da questa crisi:

+
se ritroverÓ la felicitÓ di vivere;

+
se riscoprirÓ la bellezza della propria presenza sulla Terra;

+
se farÓ in modo che tutti gli esseri umani, al di lÓ delle tante diversitÓ, possano vivere con dignitÓ la propria condizione.


L'umanitÓ Ŕ una tra le tante specie viventi che popolano il Pianeta:

+
deve aver cura della 'casa' che la ospita;

+
deve controllare il proprio sviluppo demografico;

+
deve rispettare le altre specie viventi.


Pi¨ che una particolare scelta teologica ci vuole un vero e proprio salto di humanitas.














il sito di Saltas (saltas@tiscali.it) | saltas@tiscali.it

Torna ai contenuti | Torna al menu